Acido folico prima della gravidanza

Quando iniziare a prenderlo? E per quanto tempo?

di Anna Cantarella 27 marzo 2017 15:16

L’acido folico è una vitamina essenziale per la salute del bambino durante la gestazione. Da molti anni è nota la sua efficacia nel contrastare numerose malformazioni del feto ma adesso molti ginecologi consigliano l’assunzione dell’acido folico anche nel periodo precedente alla gravidanza, quando si sta programmando di rimanere incinte.

Acido folico, quando iniziare

E’ corretto iniziare ad assumere l’acido folico, o vitamina B9 (0,4 mg al dì, per bocca) prima della gravidanza perchè assumerlo dopo il concepimento vuol dire ridurre l’effetto protettivo di questa vitamina sulla salute dell’embrione. In pratica, più tardi lo si assume meno protettivo sarà il suo effetto. Alcuni ginecologi consigliano di assumerlo almeno tre mesi prima del concepimento e con questa precauzione è possibile ridurre il rischio di malformazioni della colonna e della testa del bambino, i cosiddetti difetti del tubo neurale.

> ACIDO FOLICO IN GRAVIDANZA: MENO CASI DI BIMBI AUTISTICI

Acido folico prima della gravidanza, per quanto tempo?

Recenti studi indicano come l’acido folico possa dare molti vantaggi per la gravidanza, per esempio riduce i parti prematuri precoci del 70% nelle donne che hanno assunto l’acido folico per un anno prima del concepimento, mentre i parti prematuri tra la 28a e la 32a vengono ridotti del 50%. Quindi l’effetto protettivo è ottimale se l’assunzione precede di molto tempo il concepimento. E’ quindi fortemente consigliabile cominciare ad usare l’acido folico anche un anno prima del previsto concepimento, perfino quando si sta ancora facendo una contraccezione ormonale.

> ALIMENTI INDISPENSABILI DA ASSUMERE IN GRAVIDANZA

Acido folico, quale prendere e quando assumerlo

In commercio esistono tantissimi tipi di integratori di acido folico ma chiaramente è sempre il medico che dovrà consigliarvi il dosaggio adatto, la marca, il tipo di integratore e anche quando assumerlo.

> GRAVIDANZA E MALFORMAZIONI: ECCO 10 REGOLE PER PREVENIRLE

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti