Come bloccare i pensieri e ridurre lo stress

Un piccolo vademecum antistress

di Anna Cantarella 29 aprile 2017 11:00

Zittire il cervello: sembra questa la strada per stare meglio, ridurre lo stress e controllare l’ansia. Eppure tenere a bada il proprio cervello non è così semplice, specialmente se i pensieri continuano ad assillarci giorno e notte, creando una inevitabile cascata di stress che poi si riversa sull’umore del giorno successivo.

Ecco perchè è così importante imparare a zittire la mente e imparare a concederci dei momenti di relax che ci aiutino a ridurre le tensioni e diventare anche più efficienti. Sì, perchè se siamo meno stressati riusciremo meglio nelle nostre attività quotidiane e il nostro cervello avrà modo di concentrarsi di più sul lavoro e sugli obiettivi. Per zittire la mente e ridurre lo stress innanzitutto è necessario imparare ad accettare che un po’ di stress è parte normale della nostra vita quotidiana. Ci vuole, in piccole dosi.

> I MIGLIORI CIBI PER LA SALUTE E LA FELICITA’

Il secondo consiglio è quello di imparare ad accettare la realtà per quello che è, senza crearsi illusioni o peggio paure immotivate e immaginarie. Facciamo i conti solo con la realtà e le reali difficoltà: è già abbastanza lavoro per la nostra mente!

> PROBLEMI PSICOLOGICI: ECCO COME RISOLVERLI

Più tempo all’aria aperta e più movimento. Questa regola è davvero salutare e fa bene al corpo e alla mente. La natura del resto è il nostro ambiente, quello in cui noi siamo stati creati per vivere. Se ci circondiamo solo di automobili, fumo, smog, puzza, strade e semafori, inevitabilmente aumenteremo i nostri livelli di stress. Per riprendere il controllo, basta un giorno a settimana a contatto con la natura.

> COME AFFRONTARE UN PERIODO DI STRESS

Infine dovremmo imparare a controllare i nostri pensieri e usare il pensiero per lo scopo per cui è necessario. Un pensiero che si trasforma subito in azione è un pensiero sano. Diversamente, un pensiero che non può trasformarsi in azione è un pensiero malato, che può diventare una pericolosa illusione o una paura immaginaria.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti