L’otite e l’omeopatia, quali sono i pericoli?

Fare chiarezza è importante per scongiurare i pericoli delle cure alternative

di Anna Cantarella 30 maggio 2017 16:37

Il caso del bambino morto per un’otite curata con rimedi omeopatici ha scosso l’opinione pubblica e riaperto il dibattito sulla validità delle cure omeopatiche. L’omeopatia e la sua applicazione coercitiva sono accusati di aver causato la morte del piccolo Francesco, insieme al medico omeopata che, noncurante delle complicazioni a cui esponeva il piccolo, non gli ha prescritto l’antibiotico causandone di fatto la morte.

Subito dopo l’autopsia adesso è chiaro che il bambino è morto a causa di una encefalite, conseguenza gravissima di un’otite non curata che si è aggravata sempre di più portando il bambino ad uno stato di coma dal quale non è più uscito. Ma la colpa è dell’omeopatia?

> EMICRANIA O CEFALEA? ECCO I RIMEDI NATURALI PER COMBATTERLE

Gli esperti su questo punto sono concordi. I rimedi omeopatici possono essere utili ma sono assolutamente inefficaci nei casi di infiammazione acuta. I farmaci omeopatici infatti possono avere risultati solo a lungo nel tempo e sono completamente inutili quando si tratta di contrastare un’infezione batterica acuta, magari complicata dalla febbre o che persiste già da qualche giorno. In questo senso, la medicina omeopatica non si può sostituire a quella tradizionale.

> MAL DI STOMACO, I MIGLIORI RIMEDI NATURALI

Insomma infezioni come l’otite, e tutte le infezioni in generale, si trattano con l’antibiotico che è l’unica cura che permette la guarigione pronta e il controllo completo delle possibili complicanze. Chiunque suggerisca l’omeopatia come la soluzione di tutte le malattie è un pazzo, un incosciente che mette in pericolo la vita delle persone e che fa un danno serio anche a tutti quei medici che praticano l’omeopatia solo come supporto alla medicina allopatica.

Photo Credit| Thinkstock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti