ƒ

Vaccini obbligatori in Italia, ecco quali sono

I vaccini obbligatori in Italia sono passati da 4 a 12

di Anna Cantarella 27 maggio 2017 9:00

La questione delle vaccinazioni tiene banco nel dibattito politico e sulla salute del nostro Paese. Diminuisce la percentuale di bambini vaccinati per le più frequenti malattie esantematiche e dall’inizio del 2017 si è registrato un aumento del numero di casi di morbillo, anche gravi. Fino a maggio 2017 in Italia erano solo 4 i vaccini obbligatori. Si trattava della vaccinazione antidifterica, antitetanica, antiepatite B e antipoliomelitica, anche se molte altre vaccinazioni venivano offerte gratuitamente ed erano fortemente consigliate dal servizio sanitario.

Il decreto legge appena approvato dal Consiglio dei ministri però ha cambiato le cose. Le vaccinazioni obbligatorie sono diventate 12 per la fascia d’età 0-16 anni. Si tratta dei 4 vaccini obbligatori, più la vaccinazione antipertosse, anti Haemophilusinfluenzae tipo B, antimeningococcica B, antimeningococcica C, antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antivaricella.

> VACCINI PEDIATRICI IN CALO, I DATI DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Cosa cambia per i genitori?

In sostanza bisognerà adeguarsi alle nuove regole e i bambini da 0-6 anni dovranno sottoporsi a tutte le 12 vaccinazioni obbligatorie. Chi non è in regola con il certificato vaccinale, non potrà essere iscritto dai genitori all’asilo nido e alla scuola materna.

> I VACCINI FANNO DIVENTARE GAY: ECCO LE DICHIARAZIONI SHOCK

I bambini da 7 a 16 anni che frequentano la scuola dell’obbligo sono comunque obbligati a fare le varie vaccinazioni, e i richiami ma potranno effettuare l’iscrizione a scuola anche se non sono in regola con il calendario vaccinale. Se però mancano uno o più vaccini, la Asl convocherà i genitori per fare i vaccini che mancano. Anche i dirigenti scolastici devono segnalare alla Asl l’eventuale presenza di minori non vaccinati a scuola. Chi si rifiuta di sottoporre i figli alla vaccinazione riceveràun richiamo, potrà incorrere in multe salate e nei casi più gravi gli sarà sospesa la potestà genitoriale

Le vaccinazioni potranno essere omesse o differite sono nel caso in cui un medico attesti che esiste un accertato pericolo per la salute.

Photo Credit| Thinkstock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti