Abbuffate natalizie: trucchi e consigli salva linea

Mantenersi in forma e prevenire gli effetti delle "scorpacciate sotto l'albero"? L'Aigo ci regala qualche dritta.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 20 dicembre 2012 19:15

Le abbuffate natalizie sono dietro l’angolo. Non è un mistero, infatti, che ogni anno a Natale gli italiani finiscono con l’esagerare con il cibo. Per aiutare i cittadini del belpaese a correggere le proprie abitudini alimentari, l’Aigo (Associazione Italiana Gastroenterologi Ospedalieri) ha pensato bene di fornire delle indicazioni utili.

1) Controllare il proprio peso corporeo

Occhio alla bilancia! Il proprio peso corporeo dovrebbe essere il più stabile possibile nel tempo. L’effetto yo yo, infatti, alla lunga può rivelarsi controproducente sulla capacità dell’organismo di perder peso, inoltre, può causare fastidiose smagliature e finire con lo scombussolare il metabolismo.

Per capire se si sta seguendo un regime alimentare equilibrato, in grado di offrire un peso stabilizzato sul lungo periodo, sarebbe bene controllare il proprio peso corporeo almeno una volta ogni 3 giorni, avendo cura di pesarsi sempre sulla medesima bilancia al mattino a stomaco vuota.

2) Dieta equilibrata

Per mantenere la linea durante le festività natalizie, è necessario intrattenere un regime alimentare equilibrato. Per far sì che la dieta sia bilanciata, il 55% delle calorie dovrebbe essere costituito da carboidrati, il 20% da proteine e il 25% da grassi. Sarebbe poi opportuno limitare l’utilizzo di sale, magari sostituendolo con le spezie e consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno.

3) Occhio all’etichetta

Per mantenersi in forma, sarebbe bene limitare il consumo di alcuni alimenti composti con olio di palma, olio di coco, grassi idrogenati o oli vegetali. E’ questo il caso di biscotti, crackers, brioche, prodotti di pasticceria e similari.  Limitarli sarebbe d’obbligo, poiché questo tipo di grassi  va ad aumentare la presenza di lipidi ematici. E’ possibile sostituirli con prodotti fai da te o con prodotti preparati con l’utilizzo di olio extravergine di oliva e farinacei semplici.

4) Limitare alcuni cibi

Bevande zuccherate (cola, succhi di frutta e affini) dolci e fritti andrebbero limitati il più possibile. Identico discorso per le bevande alcoliche, off limits per chi è interessato da malattie al fegato, mentre nei soggetti sani, il consumo di alcolici deve essere limitato ad un massimo di due bicchieri di vino al dì.

5) Muoversi

L’attività fisica è imprescindibile, specialmente nel periodo delle abbuffate natalizie. L’ideale sarebbe eseguire delle lunghe camminate dalle tre alle cinque volte a settimana, restando in movimento per almeno 1 ora.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti