Come vivere fino a 100 anni

Alle volte la longevità può essere determinata da fattori inaspettati e uno stile di vita sano potrebbe anche non pagare.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 19 Settembre 2012 11:07
Spread the love

Come vivere fino a 100 anni? Sono tantissimi coloro che sognano una vita lunghissima, magari da condurre in maniera sana. Uno stile di vita sano, contraddistinto da un’alimentazione equilibrata e un allenamento costante può dare una grossa mano in tal senso, tuttavia, uno studio condotto dall’Università di Chicago ha messo in campo una nuova variabile.

Quale? Secondo lo studio condotto dai ricercatori Usa, pubblicato sul Journal of Ageing Research, i nati in autunno avrebbero un’aspettativa di vita maggiore rispetto agli altri.

Esagerazioni? Fandonie? Il campione preso in esame per lo studio è stato piuttosto ampio, dato che i ricercatori hanno svolto la propria analisi su un gruppo di 1.500 cittadini americani morti ultracentenari, nati alla fine dell’ 800.

Nel farlo hanno ovviamente confrontato le loro date di nascita, rapportando la longevità di quest’ultimi a quella dei familiari (fratelli e sorelle su tutti) al fine di comprendere se la longevità dei soggetti in questioni era da ascriversi ai geni.

Come se non bastasse, i ricercatori si sono occupati anche di studiare la longevità dei partner dei “centenni”, in modo da prendere in esame anche gli aspetti socio-economici e ambientali, strettamente legati alla qualità della vita, in grado di influenzare la  durata della stessa.

Qual è il segreto per vivere 100 anni?

Come già preannunciato, incrociando i vari dati, è emerso che i nati nella stagione autunnale ( da settembre a novembre) avrebbero un’aspettativa di vita maggiore rispetto agli altri. Entrando nello specifico, sarebbero molto più longevi di coloro nati in primavera o in estate, ad eccezione dei nati nel mese di giugno.

Alla luce di quanto emerso, è lecito chiedersi il motivo per il quale i nati in autunno dovrebbero godere di una longevità maggiore. Secondo gli studiosi, la maggiore aspettativa di vita dei nati in autunno potrebbe essere connessa all’alimentazione della madre ( per i nati in autunno l’ultimo mese di gravidanza avviene in estate, periodo in cui è facile trovare frutta di stagione ricca di sali minerali e vitamine) e si è meno soggetti alle malattie, finendo col regalare al feto una costituzione più sana.

Una tesi interessante, che trova una conferma anche nel fatto che i neonati nati in autunno, in genere pesano più degli altri. Tra le altre ipotesi vagliate dai ricercatori, il fatto che i bambini nati nelle stagioni autunnali evitano i picchi di forte freddo e caldo, così come i picchi influenzali che si verificano verso i mesi invernali.

Al di là dei dati emersi, i ricercatori hanno tenuto a precisare che lo studio è stato eseguito su ultracentenari nati in un contesto molto differente da quello attuale. Senza contare che, oggigiorno, le infezioni in gravidanza vengono monitorate in maniera adeguata.

Commenti