Hiv: ecco la nuova cura

Nuova terapia per contrastare il virus dell'immunodeficienza acquisita? I risultati ottenuti da una ricerca australiana fanno ben sperare.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 21 gennaio 2013 14:27

Trovata una nuova cura contro il virus dell’Hiv?  Il team di ricerca del Queensland Institute of Medical Research (Brisbane, Australia), ha sperimentato una terapia genica improntata su di una proteina dell’Hiv modificata ad hoc.

Virus dell’ Hiv e nuova cura – I risultati della ricerca

Gli studiosi australiani sono riusciti ad inibire la moltiplicazione delle particelle virali inserendo nelle cellule legate ad un sistema immunitario interessato dall’Hiv, una versione geneticamente alterata del Tat, molecole coinvolta nel processo di riproduzione del virus.

Una scoperta sensazionale, che ha trovato ampio spazio sulla nota rivista “Human Gene Therapy”, dato che dischiude le porte verso una nuova possibile cura contro l’Aids.

David Harrich, coordinatore dello studio e docente del laboratorio di virologia molecolare del Queensland Institute, ha iniziato i suoi studi sui processi di replicazione del virus dell’Hiv nel lontano 1989.

Cinque anni fa, le sue ricerche hanno portato alla scoperta del fatto che il Nullbasic mutato, prodotto da Harrich medesimo mediante un’alterazione della proteina Tat, è in grado di contrastare la diffusione del virus.

Lo studio eseguito di recente, invece, va a dimostrare le potenzialità dell’utilizzo del Nullbasic in una terapia genica. Grazie a quest’ultima, secondo Harrich, il virus potrebbe restare latente, dunque non riuscirebbe ad evolversi in Aids.

Virus dell’ Hiv e nuova cura – I vantaggi

Sistema immunitario sano e minor costo nelle cure. Sono questi i vantaggi di questa nuova terapia, che non prevedrebbe l’assunzione continuata di farmaci, al contrario delle attuali cure.

A detta dello stesso luminare, essere ottimisti è lecito. Non resta che attendere la sperimentazione sugli animali per capire se il test potrà evolversi in cura o meno.

La vita di milioni di persone al mondo è nelle mani del progresso scientifico. Ancor oggi, in Africa, l’Aids continua a mietere vittime senza sosta. Una soluzione, perlopiù low cost, potrebbe finire con il rappresentare una vera e propria “manna dal cielo”.

7 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti