Lavarsi i denti dopo mangiato? Sì, ma con calma

Il segreto per avere dei denti bianchi è lavarsi i denti dopo i pasti, ma aspettando almeno 20 minuti. Lo dice l'Academy of General Dentistry.

di Giorgia Martino 26 giugno 2012 18:18

Tutti vorremmo un sorriso “splendido splendente”, e per questo ben sappiamo che dobbiamo lavarci i denti dopo i pasti. Ecco, come in tutte le cose, è meglio non esagerare. In particolar modo, è meglio evitare di fiondarsi in bagno appena finito di mangiare perché, secondo i dentisti della statunitense Academy of General Dentistry, devono passare almeno 20 o 30 minuti dall’attacco di cibi e bevande ai denti.

Secondo uno studio mandato avanti dalla su citata seconda grande associazione odontoiatrica degli Usa, lavarsi i denti appena finito di mangiare danneggia lo smalto in quanto gli acidi corrodono il rivestimento dei denti e lo strato sottostante di dentina. Quindi usare lo spazolino aiuterebbe semplicemente questi acidi ad andare più in profondità. Meglio dunque lavarsi i denti almeno 20 o 30 minuti dopo il pasto. Lo stesso vale per il caffè: usare lo spazzolino immediatamente dopo aver bevuto un drink acido quale è il caffè aiuta gli acidi ad essere assorbiti meglio dai denti, andando anche a demineralizzarli.

Ovviamente per avere un bellissimo sorriso è importante non solo il momento in cui ci si lava i denti, ma anche il modo in cui si usa lo spazzolino. Innanzitutto occorre scegliere lo spazzolino giusto: il manico deve essere diritto e la testina non deve essere troppo grande, in modo da riuscire a raggiungere i vari angoli della bocca; importanti sono anche le setole, che devono essere sintetiche e con le punte arrotondate, con un diametro compreso tra 0,20 e 0,25 mm. Poi le setole devono essere dritte e di pari lunghezza, e cambiate almeno ogni 2 mesi, quando cioè perdono la loro integrità.

La tecnica di spazzolamento ideale vuole che lo spazzolino vada dalla gengiva verso il dente, dall’alto verso il basso, in modo da spingere via la placca dai bordi gengivali dove più si accumula. Ovviamente per l’arcata inferiore il movimento prevede il senso opposto, ovvero da giù a su.

Non dimentichiamo, inoltre, la pulizia della lingua, principale causa dell’alito cattivo: spazzoliamola pure delicatamente per rimuovere i residui del cibo e i microrganismi che si annidano sulla lingua.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti