Mal di primavera, donne a rischio: ecco i sintomi

Cambio di stagione "killer" per le rappresentanti del gentil sesso? Scopriamo insieme cosa accade in genere.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 2 aprile 2013 17:16

Mal di primavera per le rappresentanti del gentil sesso. Statistiche alla mano, i sintomi del cambio di stagione sembrerebbero colpire più le donne rispetto agli uomini (6 volte di più). Del resto stiamo parlando di un disturbo che mina la salute e l’umore di oltre 2 milioni di italiani, almeno stando a quanto affermato da Claudio Mencacci, presidente della Sip (Società italiana di Psichiatria).

Alla luce di quanto sta avvenendo negli ultimi giorni, è lecito però chiedersi se il prolungarsi dell’inverno, dovuto alle avversità meteo, finirà con il ritardare la comparsa dei disturbi derivanti dal cambio di stagione. Secondo gli esperti, rovesci e temperature sotto la media stagionale, non faranno altro che peggiorare questi sintomi, aumentando l’esasperazione dei meteropatici.

L’eterno inverno, secondo Mencacci, non fa altro che rendere maggiormente instabile l’umore di chi è già minato dal cambio di stagione. Queste condizioni del tempo anomale, oltre a causare  irascibilità e irritabilità, sintomi tipici del mal di primavera che finiscono con il colpire maggiormente le donne, finiscono con il rendere più esasperati i sintomi provenienti dal cambio di stagione come: mancanza di concentrazione, stress, ansia, disturbi del sonno.

Ad ogni modo, secondo gli esperti, si tratterebbe di disturbi affettivi, che vanno a mostrarci la nostra reale connessione ai ritmi naturali, in parte risolvibili incrementando l’attività fisica. Facendo sport, infatti, si agevolerà il processo di adattamento dell’organismo. Stando a quanto espresso da Mencacci, chi invece sta già seguendo una terapia, farebbe bene a perfezionare la propria cura farmacologica attenendosi ai sintomi riscontrati.

Ovviamente il medesimo consiglio può essere seguito anche qualora ci si stia sottoponendo a delle cure naturali, improntate sull’assunzione di prodotti fitoterapici, Fiori di Bach e similari. L’importante è consultarsi con uno specialista per avere una diagnosi accurata del problema e ascoltare i segnali che invia il proprio corpo, al fine di prevenire e correggere eventuali errori nello stile di vita.

8 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti