Violenza sulle donne, addio: ecco le calze pelose antistupro

Aggressioni sessuali ai danni delle rappresentanti del gentil sesso, ridotte drasticamente grazie ad un prodotto rivoluzionario?

di Francesco Giuseppe Ciniglio 19 Giugno 2013 15:55
Spread the love

Mai più violenza sulle donne, uno slogan che potrebbe finire con il divenire realtà, grazie al lancio sul mercato delle calze pelose. Bufala o realtà? L’unica cosa certa, è che la foto di queste particolari calze, pubblicata in Cina mediante i maggiori social network, entro breve ha finito con il fare il giro del mondo.

Violenza sulle donne e calze pelose – “Boom online”

La foto delle calze pelose, è stata inizialmente pubblicata su Sina Weibo (microblog cinese) accompagnata da un titolo shock “Sexy calze pelose estive per difendersi dai pevertiti”. L’immagine in questione mostra un paio di gambe con dei leggins (termine molto più appropriato, visto che le calze in questione lasciano scoperti i pedi).

Ad ogni modo, l’ascesa online dello strampalato indumento intimo femminile non sembra arrestarsi. Pubblicizzate come arma formidabile “anti pervertiti”, i collant pelosi hanno finito per “spaccare il mondo del web”, fra risate, ironia, provocazioni di rimando e reazioni di disgusto.

Non a caso, fra i tantissimi commenti sarcastici ed inorriditi, c’è persino chi trova sexy le calze pelose e qualcuno ha pensato bene di prescindere dalle provocazioni e dalle facile ironie, definendole “superflue” e inadatte allo scopo. Ad ogni modo, al momento non è chiaro se qualche azienda di abbigliamento abbia sul serio intenzione di iniziarle a produrle e lanciarle sul mercato.

Violenza sulle donne e calze antistupro – La parola alle lettrici

A prescindere da ironia e provocazioni, è lecito pensare di poter arginare l’inquietante fenomeno dello stupro con delle calze pelose prodotte per l’occasione? Dei peli sulle gambe, possono fungere da deterrente per i tanti malintenzionati, pronti ad aggredire le rappresentanti del gentil sesso?

Indossereste mai dei “leggins pelosi” (con tutte le problematiche estetiche e non) che ne derivano, per prevenire una possibile violenza sessuale o, siete dell’avviso, che, in commercio, vi siano metodi molto più affidabili ed efficaci?

Commenti