Violenza sulle donne, ecco il preservativo antistupro: ha i denti

Mai più donne vittime di stupro grazie al profilattico che morde? Scopriamo insieme di cosa si tratta.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 7 aprile 2013 13:27

Mai più violenza sulle donne grazie al rivoluzionario preservativo antistupro? Questo innovativo condom prende il nome di Rape-axe e sembrerebbe essere in grado di “punire” severamente gli stupratori grazie ai denti di cui è dotato. Un rimedio crudele, ma che, secondo la dottoressa sudafricana Sonnet Ehlers (inventrice del suddetto preservativo antistupro), sarebbe efficace contro la violenza sulle donne.

Del resto di questi tempi ogni misura sembrerebbe esser lecita pur di arginare l’emergenza stupri sempre più dilagante in ogni parte del globo. Basti pensare che solo nel paese africano sono state denunciate oltre 75.000 violenze sessuali a carico delle donne. Cifre considerevoli, dato che vanno a doppiare il numero di stupri eseguiti in una nazione come l’India, dove questa barbarie viene attuata impunemente (almeno nella maggior parte dei casi) ogni giorno. Secondo gli esperti, mettendo in conto anche le violenze contro le donne non denunciate, il numero delle stesse sarebbe circa dieci volte più elevato.

Preservativo antistupro – Come funziona

Come già preannunciato, il condom in questione prende il nome di Rape-axe e può essere inserito con estrema facilità nella vagina, a mo’ di tampone. Essendo dotato di denti, quest’ultimo va a “mordere” il membro dello stupratore nel corso della penetrazione, causando a quest’ultimo ferite e dolori lancinanti. Ovviamente la “bestia” di turno avrà la possibilità di ritrarre il fallo dalla vagina, tuttavia, non sarà in grado di rimuovere questo condom in lattice che, azzannando il “gingillo” senza pietà, non gli consentirà né di urinare né di camminare. Il preservativo antistupro con i denti potrà esser rimosso esclusivamente attraverso un’operazione chirurgica.

Rape-axe – Curiosità

Cosa ha portato alla creazione di questo particolarissimo condom? La Ehlers ha dichiarato di essere stata ispirata da due pazienti: una ragazza vittima di stupro che avrebbe tanto voluto avere i denti nelle parti intime e un ragazzo portato in ospedale in preda a dolori lancinanti per via del membro incastrato nella cerniera dei pantaloni.

Preservativo antistupro – La parola ai lettori

Ad oggi il profilattico con i denti non è ancora stato commercializzato, tuttavia le polemiche non sono tardate ad arrivare. Qual è la vostra idea a riguardo? Punizione più che legittima agli stupratori o rimedio medioevale?

Oltre 400 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti