Alimentazione e malattie: batteri trasmessi all’uomo dagli animali

Cosa significare alimentarsi in maniera corretta? Quando si parla di salute, il bilancno degli alimenti non basta.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 2 dicembre 2012 21:16

Mangiare bene, alimentarsi in maniera sana, non significa esclusivamente dosare sapientemente proteine, vitamine, carboidrati e sali minerali. Quando si fa la spesa, è bene scegliere con cura gli alimenti da mettere nel carrello, visto che quest’ultimi sono i diretti responsabili della salute del nostro organismo.

Bisognerebbe prestare particolare attenzione alla carne, visto che i batteri in grado di provocare le malattie, vengono trasmessi dagli animali all’uomo. L’ideale sarebbe rinunciare alla carne da supermarket, spesso proveniente da allevamenti intensivi che prevedono l’utilizzo di antibiotici e ormoni sugli animali per accelerarne i processi di sviluppo e crescita.

A tal proposito, sarebbe preferibile acquistare la carne nei supermarket biologici o dal proprio macellaio di fiducia, con la speranza che quest’ultimo provveda all’alimentazione degli animali personalmente, ricorrendo a metodi naturali, senza l’ausilio di farmaci o altri composti dannosi per la salute dell’animale.

Alimentazione e malattie trasmesse dagli animali all’uomo – Le ricerche

Numerosi test hanno dimostrato che, il consumo eccessivo di carne animale infestata da questi agenti chimici, ha finito con il portare alla formazione di batteri in grado di resistere agli antibiotici, in grado di attecchire sull’uomo con molta facilità.

Malattie trasmesse dagli animali all’uomo – Come avviene il passaggio?

Secondo gli esperti, sarebbero 3 le principali forme di trasmissione:

1) Mediante contatto tra animale e allevatore, che a sua volta, trasferisce determinate patologie ad altri esseri umani;

2) Via aerea, dato che le particelle infette sono presenti anche all’interno delle feci degli animali, che librandosi nell’aria finiscono con il contaminare animali, oggetti o persone su cui si posano.

3) Tramite i vari passaggi della catena alimentare. Facendo un esempio, nel corso della fase di macellazione, la materia fecale presente nell’intestino può andare a contaminare la carcassa dell’animale nel corso della fase di eviscerazione.

Conclusioni

Al fine di prevenire l’insorgere di malattie e disturbi, sarebbe bene preferire un’alimentazione vegetale, cercando di sostituire la carne con i legumi, in modo da assicurarsi il giusto apporto proteico in maniera “naturale” e quando possibile, acquistare carni selezionate, non provenienti da allevamenti intensivi.

4 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti