Bella addormentata addio: ecco l’antidoto

Ma più sonnolenza profonda grazie all'ultima scoperta del team di ricerca della Emory University.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 25 novembre 2012 17:15

La “Bella addormentata” rimarrà solo una favola grazie al nuovo antidoto per l’ipersonnia, una patologia che causa non pochi problemi a chi ne soffre. L’personna, infatti, è in grado di causare una sonnolenza continua, spingendo a dormire oltre 70 ore a settimana.  Purtroppo o per fortuna, non siamo nelle favole e l’antidoto in questione non è costituito da un semplice “bacio”.

Tralasciando i sogni dell’infanzia e i sentimentalismi,  gli scienziati della Emory University di Atlanta hanno infatti scoperto che nel fluido cerebrospinale dei soggetti affetti da ipersonnia, si trova una sostanza che va ad agire come un farmaco per dormire. Per fortuna eseguendo un semplice trattamento con flumazenil, medicinale che combatte l’azione delle molecole di benzodiazepine, è possibile contrastare il problema.

Stando a quanto sostenuto dai ricercatori Usa, la molecola in grado di provocare l’ipersonnia non agirebbe mediante i medesimi recettori connessi grazie alle benzodiazepine, ma al pari di questi medicinali, interferirebbe con l’attività dell’acido gamma amino butirrico (Gaba), molecola che va ad inibire la trasmissione dell’impulso nervoso.

IpersonniaRiflessioni

David Rye, uno degli autori principali della scoperta, è dell’avviso che nei soggetti più gravi l’entità dell’effetto stimolante sarebbero equivalente a quello ricevuto per una sedazione da colonscopia. Ad oggi, non è stata ancora svelata la precisa identità di questa molecola, tuttavia, delle analisi preliminari rendono lecito pensare che sia molto simile ad alcuni ormoni (vedi ossitocina).

Ipersonnia – Conclusioni

Addio dipendenze croniche da caffè, tè, energy drink e similari per i tanti “ipersonni” al mondo.  Finalmente il problema potrà essere contrastato all’origine, curato in via definitiva in maniera economica, rapida e “quasi indolore”.

Dormiglioni e dormiglione, hanno i “giorni contati” i possibili “alibi” stanno per andare in fumo. Il nuovo antidoto verrà accolto come una maledizione o un’eccellente risorsa per i pigroni incalliti? Non resta che attendere, le reazioni non mancheranno a venire.

5 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti