Creme anticellulite: quali principi attivi?

Non tutti i tipi di cellulite sono uguali: c'è quella in cui prevale il gonfiore, quella in cui si fa sentire l'ipotonia e quella più additabile alla ciccia.

di Giorgia Martino 5 agosto 2012 19:37

Per quanto si vogliano scoraggiare le creme anticellulite come inutili e costose, c’è da specificare una cosa: la loro efficacia dipende anche dalle aspettative di chi le acquista. Mi spiego meglio: se crediamo che massaggiando queste profumate emulsioni su cosce e glutei diventeremo uguali alle modelle secche e smilze delle pubblicità, diciamo che di sicuro non funzioneranno, se invece avremo come obiettivo una pelle più liscia e consistente, i buchini un po’ meno “bucati” e una coccola quotidiana che ci rilassi un po’, allora funzionano!

La forza delle creme anticellulite sta nei loro principi attivi, molti dei quali sono oramai pienamente riconosciuti. Ovviamente, essendo veicolati tramite creme, la loro azione può essere più superficiale di quanto vorremmo.

I principi più efficaci contro la pelle a buccia d’arancia (o a materasso, o a onde sismiche… fate voi!) appartengono a quattro tipi di azione:

–          Lipolitica: è svolta da derivati dallo iodio e da alghe, come la quercia marina. Questi principi agiscono sulla lipasi, ossia l’enzima che scinde i grassi. Un’altra sostanza lipolitica è l’alga nota come Fucus Vesciculosus, che aumenta il metabolismo aiutando l’utilizzo dei grassi, riducendo così gli accumuli localizzati.

–          Protettiva dei capillari: si tratta per lo più di flavonoidi, e i più comuni sono estratti dal mirtillo, dal limone, dal gingko-biloba, dalla vite rossa, dal tè verde e dalla rutina. La loro azione rende i vasi meno fragili, e può essere aiutata soprattutto dalla presenza nella stessa crema di vitamine A, C ed E.

–          Antiedema: sono sostanze drenanti, come l’ippocastano, l’edera, il rusco, il taraxacum officinalis e la centella asiatica, o ancora oligoelementi come il silicio e il magnesio.

–          Attivante del microcircolo: per migliorare la circolazione sanguigna, è molto utile nelle creme la presenza della caffeina, della teofillina e della teobromina, ricavate da caffè, cacao, guaranà e cola. In particolar modo la caffeina ha anche proprietà lipolitiche e antiedematoso, per cui è utilissima in quei casi in cui la cellulite è accompagnata anche da accumuli adiposi.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti